Eight Blacks

1

E’ un’abitazione diffusa sul territorio quella progettata dallo studio di architettura NRJA a Kuldiga, una piccola città lettone a pochi chilometri dalle coste che guardano verso la Svezia, al di là del Mar Baltico.

L’intero complesso che occupa più di 460 metri quadrati si organizza in otto volumi, alcuni dei quali, quelli dedicati alla vita domestica, si organizzano attorno ad una corte, altri invece si collocano sulle colline limitrofe e in prossimità al fiume che segna il confine naturale delle proprietà.

I progettisti sono partiti dalla sezione di una casa tradizionale lettone a un piano con il tetto a falda, la cui forma è stata estrusa per ottenere i volumi che accolgono i diversi ambienti della casa.

Entrati nella tenuta, una strada sterrata passa vicino alla guest house affacciata sul fiume, ai campi da pallavolo e calcio, per arrivare alla vera e propria abitazione organizzata attorno ad una corte sulla quale oltre agli edifici ricoperti di doghe di legno affaccia anche il corpo adibito a garage, l’unico ad essere rivestito con pannelli in policarbonato retroilluminato.

Grandi vetrate permettono agli spazi interni di unirsi visivamente al paesaggio circostante e ampie terrazze danno la possibilità di vivere la natura nei mesi più caldi.

2

3

4

5

6

7

9

10

11

12

 

Foto di Gatis Rozenfelds.

Una cascata di luce

1

La casa progettata dallo studio di architettura MDBA a La Nou de Gaia, a nord di Terragnona, in Spagna, si presenta come un sapiente gioco di materiali e forme che spiccano all’interno del piccolo ma caratteristico centro storico della cittadina, caratterizzata da compatte case rivestite in pietra color sabbia.

Ciò che ha guidato fin dal principio i progettisti è stata la volontà di creare una connessione molto forte con il contesto che circonda la casa. L’ingresso dell’abitazione si trova sulla facciata prospiciente una piazzetta dal sapore tipicamente mediterraneo su cui sorgono una chiesa e dei bassi edifici intonacati di bianco. È stato dunque scelto uno stile semplice e sobrio per il prospetto della casa progettata dagli MDBA, la cui facciata in intonaco grigio si distingue, senza imporsi, dagli edifici che la circondano.

È sul lato della casa che guarda a Nord-Ovest che gli architetti hanno scelto una facciata a gradoni, dal sapore più contemporaneo, dove le pareti vetrate dal telaio in alluminio permettono l’accesso alle grandi terrazze con vista sulle colline.

All’interno una scala in legno mette in connessione i quattro livelli su cui si sviluppa la casa, e organizza gli spazi caratterizzato da diversi materiali che insieme alla luce conferiscono grande luminosità agli ambienti.

Il cemento è utilizzato insieme al legno, alla pietra e all’intonaco bianco, e la struttura di travi e pilastri in metallo dà alla casa un tocco sofisticato e high tech.

2

3

4

5

6

8

9

 

Foto courtesy by MDBA.

Ricordi di un’architettura

1

Il progetto concepito dagli architetti portoghesi Bruno André e Francisco Sagado Ré a Parades, in Portogallo, riflette sul tema della rovina e di come essa possa diventare un importante punto di partenza per una nuova architettura.

La casa in questione sorge infatti sulle tracce di un’antica costruzione rurale di cui rimangono solamente i muri perimetrali, all’interno dei quali si adagia il nuovo organismo architettonico che con i suoi volumi scuri si discosta dal colore caldo delle pietre esistenti.

Le grandi vetrate che proiettano gli interni verso l’esterno incorniciano suggestivi scorci dove il nuovo e l’antico dialogano con armonia, senza che l’uno rubi la scena all’altro.

Gli spazi interni dal sapore fortemente contemporaneo sono ampi e luminosi grazie alla luce che invade gli ambienti e illumina le preti e i soffitti dai toni chiari e le grandi porzioni in legno che conferiscono un’atmosfera calda e domestica.

Piccoli ma eleganti dettagli conferiscono a questa casa un carattere unico perché provenienti proprio dal suo passato che viene ricordato attraverso piccoli oggetti e gesti, come una pietra, o la piccola finestra, simile ad un quadro, nella zona giorno al piano terra che sospesa e irraggiungibile racconta di un’architettura che era sul punto di svanire, ma che oggi ha trovato nuovi significati.

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Foto di FG+SG.

Infinito australiano

1

Sulle coste a Sud-Ovest di Victoria, in Australia, l’architetto Jackson Clements Burrows ha progettato una casa dove trascorrere le vacanze con la propria famiglia.

Esternamente l’abitazione si presenta come un volume completamente ricoperto di legno di un albero locale che ha la caratteristica di assumere tonalità che tendono al grigio e all’argento con il passare del tempo.

Anche le numerose aperture che danno sul panorama incontaminato sono rivestite da pannelli in legno forati che fungono da frangisole durante la stagione estiva. Un sistema di ventilazione naturale è garantito dall’attento posizionamento  delle finestre che permette in questo modo di non utilizzare alcun sistema di condizionamento neanche nei mesi più caldi.

Il clima duro e caratterizzato da forti raffiche di vento, spesso accompagnate da una sferzante pioggia, rende questa casa il rifugio ideale dove trovare la quiete, lontano dal caos della città, in mezzo al natura.

L’interno di circa sessanta metri quadrati ospita due camere da letto divise grazie a delle pareti scorrevoli dal resto della casa in cui domina la cucina in legno scuro e il grande salotto a “U” che all’occorrenza fornisce numerosi posti per gli ospiti.

Nonostante le dimensioni modeste questa casa offre ogni comfort e al suo interno non si sente la mancanza di spazio poiché ogni singolo angolo, ogni singolo armadio è stato studiato per non sprecarne neanche un centimetro. E poi se di grandi spazi è ciò di cui si ha bisogno basta affacciarsi ad una delle finestre per contemplare gli interminabili spazi dell’Australia.

2

3

4

5

6

7

Foto di Jeremy Weihrauch.

Un giardino segreto

1

A Calne, in Inghilterra, più precisamente tra Londra e Bristol, lo studio inglese Octopi ha progettato un’abitazione raccolta attorno ad un giardino segreto.

Dove un tempo sorgeva un orto cinto da un alto muro che lo divideva dalla strada e dalle case limitrofe, i progettisti hanno scelto di riprendere il concetto dell’hortus conclusus attorno al quale si organizza l’abitazione.

I materiali utilizzati, soprattutto per le finiture esterne si ricollegano alla tradizione delle architetture rurali della campagna inglese. La pietra che ricopre il piano terra della casa è di riutilizzo, mentre il rivestimento in legno del primo piano richiama, in toni più chiari, il legno utilizzato nelle case più antiche.

Al di là dell’alto muro che circonda il lotto si nasconde un giardino, pensato per essere utilizzato come orto, che corre lungo tutta la casa, da cui è possibile vederlo grazie alle ampie vetrate incorniciate da sottili serramenti in alluminio.

All’interno, il corridoio d’ingresso si apre su uno spazio a doppia altezza, che conferisce una grande ariosità, in cui la luce proveniente dall’esterno illumina gli ambienti conferendogli un aspetto chiaro e un’atmosfera simile a quella delle case scandinave.

Essendo il proprietario un portatore di handicap l’intera casa è stata pensata per essere interamente accessibile e fruibile anche rimanendo seduti sulla sedia a rotelle. Gli spazi principali sono infatti sono stati collocati tutti al piano terra attorno alla corte centrale che ospita uno spazio verde.

Nella parte esterna sorgono tre alberi da frutto che collegano il presente e il futuro di questa abitazione al suo passato di orto.

2

3

4

5

6

Foto courtesy by Studio Octopi.

Benvenuti sul Blog di Cetos

Siamo online con il nostro Blog Serramenti in alluminio TrevisoCetos dedicato ai nostri clienti fedeli e a tutti coloro che navigando entreranno in contatto con noi.

Aprire un blog interamente dedicato alla nostra azienda, rappresenta l’inizio di una nuova avventura, nella quale mettere a disposizione tutte le nostre conoscenze ma soprattutto ci offre l’opportunità di raggiungere chi non ci conosce, chi può trovare nella nostra realtà un interessante novità da scoprire.

Il nostro obiettivo è quello di raccontare il meglio della nostra azienda, offrire maggiori informazioni sui nostri servizi e rispondere ai commenti e alle richieste degli utenti web. Non esitate quindi a contattarci o richiedere approfondimenti, cercheremo di soddisfare al meglio e in tempi brevi le vostre richieste.

Scorrendo fra le pagine del nostro sito, troverete informazioni utili sulla nostra attività, le immagini della nostra location e gli indirizzi utili per raggiungerci via email, telefono o in sede.

Tutto lo staff di Cetos vi augura quindi una buona lettura